RW anticipa la Panini Comics

Ha destato scalpore il messaggio alla nazione diffuso in rete il 10 agosto da Marco Marcello Lupoi, direttore editoriale della Panini Comics, colosso che pubblica in Italia e in Europa i fumetti Marvel. Un’eco che ha scosso e preso di sorpresa buona parte degli appassionati, che hanno scordato i precedenti già sperimentati dalla RW Edizioni, con etichetta Lion, in anticipo sulla nuova linea dettata dalla Panini.

La DC Comics esce con RW Lion

La casa editrice americana, con sede a Burbank e appartenente al gruppo della Warner Bros, affida i diritti di pubblicazione dei super-eroi DC a vari editori nel mondo, inclusa la RW per l’Italia. Nel resto d’Europa, in diversi altri paesi a livello mondiale, la Panini avrebbe l’esclusiva di pubblicazione del materiale fumettistico prodotto dalla Marvel Comics e, in Germania e Brasile, anche della DC Comics -. Da molti anni, gli appassionati italiani vorrebbero leggere gli albi dei personaggi DC pubblicati da un editore rinomato, solido e affidabile come, da diverso tempo, la Panini si è dimostrata essere per i personaggi Marvel. La lotta tra le due case editrici americane per conquistare la leadership prosegue, in tutto il mondo, da decenni con rovesciamenti di fronte continui che vedono alternarsi i risultati di vendita grazie a strategie aggressive, con sceneggiatori e disegnatori a darsi il cambio presso l’uno e l’altro editore.

1970 la Marvel approda in Italia

La Distinta Concorrenza è già tra le mani dei lettori di fumetti italiani sin dalla fine degli anni trenta dello scorso secolo. Superman, una delle icone della DC Comics, è pubblicato nel 1939 su Gli Albi dell’Audacia con il nome di Ciclone e dal 1945 in poi appaiono anche Batman, Robin, Lex Luthor, il Joker: la gran parte dei quali italianizzati con nuovi controversi nomi – Fantasma, Aquilotto ecc. – È comunque la Mondadori a dare maggior risalto ai super-eroi DC Comics iniziando a chiamarli con i loro nomi originali, dopo vari albi, a metà degli anni sessanta. Complice anche il successo televisivo della serie Batman con Adam West. Sino al 1970, quando la Mondadori chiude le pubblicazioni di questi personaggi e l’Editoriale Corno esordisce con i super-eroi Marvel.

batmancenisio
Illustrazione di Jim Aparo © Tutti i diritti riservati.

La Marvel ha migliaia di lettori

Inizia l’era dei super-eroi con super problemi. Soltanto nel 1976 la DC Comics ha una nuova opportunità di farsi strada in Italia grazie all’Editrice Cenisio, che pubblica inizialmente le colonne Batman e Superman, in albi quasi monografici, e li affianca poi con i vari Flash, abbinato in seguito con Lanterna Verde, La Legione dei Super-Eroi e Wonder Woman, abbinata in seguito con Aquaman. La Cenisio offre una buona alternativa all’esplosiva Corno ma i suoi fumetti non riescono quasi mai a superare, in termini di vendita, gli eccellenti risultati ottenuti da Uomo Ragno & Co.

Il destino degli eroi DC Comics, almeno in Italia, è sempre stato ingrato: nonostante l’intuizione, la capacità di fare da apripista, la Marvel Comics pur arrivando dopo ha raccolto quanto seminato dalla concorrenza. A esclusione di Batman, e in parte di Superman, bandiere della Distinta Concorrenza anche come tirature – per la Cenisio, in seguito le edizioni Play Press e la Planeta DeAgostini – gli altri personaggi riescono a mantenersi in edicola e in fumetteria appena dignitosamente. Eppure, ancora una volta, sono proprio questi ultimi ad anticipare i tempi.

Gli albi a 24 pagine della RW

Marco Marcello Lupoi ha promesso, oltre a una sensibile riduzione del parco testate e una foliazione media di 48 pagine per alcune di esse, una imminente nuova linea editoriale che prevede albi spillati monotematici da 24 pagine ciascuno, simili al modello statunitense, dove ogni super-eroe ha una sua collana indipendente con all’interno, di norma, una sola singola storia per un formato a 32 pagine. In USA, le pagine restanti, di una storia mediamente composta da 22 pagine, sono occupate da pubblicità. Ma gli albi a 24 pagine li ha promossi la RW Lion già nel 2015.

action_comics
Illustrazione di Rags Morales © Tutti i diritti riservati.

Panini Comics copia RW Edizioni?

Non esattamente. Ci sono delle sostanziali differenze, rispetto al 2015:

  1. Gli albi della RW Lion ristampavano delle saghe uscite di recente in albi spillati con 72 pagine, e le distribuivano sia in edicola che in fumetteria. La Panini Comics pubblicherà invece degli albi inediti e alcuni dei quali – nel suo messaggio alla nazione MML non lo precisa nel dettaglio – solo per il circuito della fumetteria.
  2. Gli albi della RW Lion usciti dal 2015, nella collana New 52 Special, pubblicati per due anni, avevano come prezzo di partenza 0,99 € per 24 pagine. La Panini Comics dovrebbe avere come prezzo di copertina, da subito, per le stesse 24 pagine, 2,00 €, ovvero il doppio.
  3. La RW ha scelto di uscire con spillati a 24 pagine per tentare di ampliare in edicola il parco lettori con un prodotto a prezzo medio inferiore. La Panini attuerebbe questa strategia per eliminare i costi di distribuzione nelle edicole, sostituendoli con quelli molto più contenuti nel canale fumetterie.
  4. La RW Lion non ha proseguito su questa linea – forse improduttiva? -, affidandosi ad albi con un numero di pagine sempre crescente, trascinando testate monografiche o funzionali come Lanterna Verde e Wonder Woman, da 48 a 72 pagine: l’esatto contrario di quanto prospettato ora da Marco Marcello Lupoi.
lanterna_verde
Illustrazione di Ivan Reis © Tutti i diritti riservati.

Voci di corridoio sulla Panini

Alcuni addetti ai lavori hanno diramato il segreto di Pulcinella, in via ufficiosa. A 24 pagine, al prezzo di 2,00 euro andranno, tra ottobre e dicembre 2018, al più tardi a inizio 2019: Capitan America, Doctor Strange, Hulk (che torna in albi spillati), Iron Man, Thor. A questi titoli è probabile l’aggiunta anche di Daredevil. Le collane di: Avengers, Deadpool, Fantastici Quattro, Spider-Man, Venom, le serie mutanti di X-Men e Wolverine dovrebbero invece proseguire con una foliazione maggiore – 72, 56, 48 pagine – .

Le voci ufficiali, al momento, non hanno specificato nulla e pertanto non c’è alcuna certezza circa i titoli che saranno venduti esclusivamente attraverso le fumetterie (e online). Qualche bene informato avrebbe indicato che solo il nuovo spillato di Hulk, già ritirato dalle edicole tempo addietro, e lo spillato di Doctor Strange – le due testate che probabilmente raccolgono i minori acquirenti – saranno destinati al canale fumetteria, mentre le altre collane, comprese le nuove versioni a 24 pagine, proseguiranno regolarmente in edicola. Ne sapremo di più nelle prossime settimane.

La replica degli edicolanti e dei lettori

Questo grande gruppo editoriale è privo del senso industriale ed etico degli imprenditori del passato che le edicole hanno contribuito a far crescere nel 1970 e nel 1994: una decisione da persone senza grano salis, umiltà e morale, ci aspettiamo delle scuse e che rivediate le scelte (Lettera aperta alla Panini Comics da: Giuseppe Marchica, Segretario Generale Sinagi).

L’annuncio della nuova linea editoriale ha fatto montare l’aspra protesta del sindacato nazionale degli edicolanti il quale teme anche una prossima esclusione dalla distribuzione delle figurine Panini, prodotto di larga diffusione che porta un fatturato molto più importante rispetto a quello ricavato dai comics dei super-eroi – diventati ai nostri giorni una nicchia di mercato, motivo per cui Marchica non si è mai opposto alla RW che, con alcuni spillati DC in precedenza venduti nelle sole fumetterie, danneggiava gli edicolanti in maniera quasi ininfluente -. In contemporanea, i lettori e acquirenti dei fumetti Marvel pubblicati dalla Panini Comics si sono scagliati in massa, sui social, contro il parziale ritiro dalle edicole e, in particolar modo, a sfavore del ventilato nuovo formato a foliazione ridotta.

Finita l’era degli albi antologici?

Non conosco i retroscena che stanno alla base del cambio di rotta della RW Edizioni, credo tuttavia che la rappresentante della DC Comics in Italia dovrebbe rivedere la propria linea editoriale. Quanti fans di Wonder Woman preferirebbero leggere uno spillato di 24 pagine totalmente dedicato all’amazzone – o magari un albo di 48 pagine ma con un comprimario davvero valido -, invece di acquistare un antologico a 72 pagine, albo dove ben due terzi del periodico sono occupati da fumetti che con la principessa Diana hanno poco o nulla a che fare? Quanti fans di Batman preferirebbero leggere uno spillato di 48 o 72 pagine dedicato solamente al cavaliere oscuro? Se le dichiarazioni di Lupoi suscitano legittimi dubbi e timore per lo stato di salute del fumetto super-eroistico in Italia, sarebbe opportuno che la RW Lion ripensasse le sue testate. Senza dimenticare che è stata lei stessa a tracciare, per prima e anticipandola, la nuova linea editoriale Panini.

———

Annunci

6 pensieri riguardo “RW anticipa la Panini Comics

    1. Ciao Roberto, ti comprendo molto bene perché la penso come te, circa i comprimari di scarso valore. Molti hanno criticato l’operato della Planeta DeAgostini, dimenticando che l’editore spagnolo ha invece i grossi meriti di aver rilevato i personaggi della DC, riportandoli anche in edicola – dopo la chiusura nelle sole fumetterie, in costosi volumetti brossurati, decisa dalla Play Press – e di aver pubblicato per molti mesi Batman e Superman in spillati, appunto, monotematici da 48 pagine. La RW è andata apertamente contro questa linea editoriale, purtroppo.
      Grazie per il tuo intervento.

      Mi piace

  1. Ciao, finalmente qualcuno che si ricorda della Lion! Personalmente tutto sto clamore lo trovo ingiustificato ed esagerato, in primis perché molti non hanno capito proprio niente dal comunicato di Lupoi e si fermano alle 24 pagine e all’aumento dei costi, peccato che le due cose non siano correlate.
    RW Lion fece lo stesso come giustamente ricordi con le ristampe in spillati delle storie New 52 ma in realtà lo fecero ancora prima con altre serie di inediti come Le Nuove Leggende del Cavaliere Oscuro, Injustice, i fumetto di Arkham City, Masters of the Universe e le ristampe di Lobo, albi di una trentina di pagine contenenti una storia tratta dalla serie in questione e una back up story brevissima di cui spesso non fregava niente a nessuno, tutto al prezzo di 2,95 euro. Quindi esattamente di cosa stiamo parlando? Di che ci lamentiamo? Sono proprio strani sti fumettomani.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Arcangelo, ho preferito puntare i riflettori sui personaggi più conosciuti, ma ti ringrazio per la tua precisazione circa le altre testate della RW. Infatti MML non ha inventato nulla: il clamore deriva dalla portata dell’editore – Panini Comics – che ha nome e volumi di vendita ampiamente superiori a quelli della RW Edizioni. L’editore novarese non fece notizia perché pubblica personaggi, purtroppo per noi appassionati, che hanno tirature ben al di sotto di quelli Marvel – sebbene la questione sia notevolmente cambiata, oggi, per merito di “Rebirth”. Va aggiunto a tutto ciò che Lupoi non gode delle migliori simpatie a causa di una, pur legittima, scelta comunicativa sbagliata e, non appena offre il fianco, i lettori scontenti si accaniscono contro qualsiasi sua dichiarazione. Su questo, credo, dovrebbe riflettere.
      Grazie per il tuo intervento.

      Piace a 1 persona

      1. Personalmente ritengo che anche i lettori debbano riflettere su molte cose, dovrebbero imparare a scindere la persona dal lavoro. SE ne può sempre discutere di scelte che possono sembrarci bizzarre (e che talvolta si rivelano esserlo davvero) e sulle nostre perplessità, ma strumentalizzarle per attaccare una persona (o un editore) magari diffondendo pure notizie errate o solo in parte non mi pare corretto. Non mi riferisco a te ovviamente, non posso giudicarti dal momento che “ti conosco” da poco, ma non lo farei a prescindere.
        RW di Novarese ha solo la sede legale, non so quanto altro ci sia di Novarese XD Lo dico da residente in zona.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...