Vendite Comics Italia

Negli Stati Uniti il monopolio della distribuzione dei Comics, come ho spiegato in questo articolo, è nelle mani della Diamond Comic Distributors. È perciò relativamente semplice scoprire quanto vendono i fumetti americani, perché il distributore li rende pubblici con regolarità. In Italia non esiste una Diamond e queste informazioni sono nelle mani degli stessi editori i quali, salvo casi sporadici e saltuari, non dichiarano le cifre. È tuttavia possibile, con una certa pazienza e ricerca, imbattersi in interviste concesse ai media dove gli addetti ai lavori forniscono alcuni dati di vendita del loro parco testate. Mettendo assieme voci più o meno ufficiose è possibile costruire un prospetto affidabile e verosimile che svela il numero degli acquirenti di molti comics anche in Italia.

Epoca d’oro super-eroi: anni ’70

Il momento migliore di Superman, Uomo Ragno & Co è il decennio che copre il 1970 e il 1980, con il vertice di maggior popolarità attorno alla metà degli anni settanta. In Italia c’è una testata che vende più di qualsiasi altra, un personaggio in cui quelle generazioni si riconoscono e acquistano in massa: L’Uomo Ragno. L’editoriale Corno, nelle figure di Andrea Corno e Luciano Secchi, chiede alla Marvel Comics i diritti per pubblicare in Italia i super-eroi dell’editore americano e decide di scommettere subito sulla collana dell’Uomo Ragno, seguita dopo una settimana da Devil.

Il successo, in particolare dell’arrampicamuri, è travolgente e convince la Corno ad allargare ben presto le proposte in edicola: arrivano I Fantastici Quattro, il mitico Thor, Capitan America e altre collane a seguire. Era nato il periodo d’oro degli albi Marvel in Italia e tutti i personaggi raccolgono larghi consensi, tradotti in ottime tirature. L’Uomo Ragno guida gli altri super-eroi stabilendo dei record di vendita successivamente mai eguagliati.

uomo-ragno-alex-ross
Uomo Ragno di Alex Ross © Tutti i diritti riservati.

L’Uomo Ragno in vetta

Luciano Secchi ha rivelato in seguito, in alcuni interventi diffusi dai media, che l’albo leader di mercato, per quanto riguarda i super-eroi pubblicati dalla Editoriale Corno, è sempre stato L’Uomo Ragno, periodico che usciva in edicola ogni quattordici giorni con vendite tra le 80.000 e le 100.000 copie. L’albo mensile, di formato maggiore e con più pagine, denominato L’Uomo Ragno Gigante, che ristampa le prime storie, esordisce con 120.000 copie per raggiungere presto le 150.000. DevilI Fantastici Quattro, il mitico Thor, Capitan America, Hulk & I Difensori, Conan & Ka-Zar comprese le successive versioni Gigante, seguono i risultati del tessiragnatele, distaccati ma con medie attorno alle 50.000 copie per i quattordicinali. Chiuso il decennio degli anni settanta, rimane ancora in edicola L’Uomo Ragno, che diventa settimanale, per un altro anno. Poco prima, era stato affiancato, nella permanenza, da I Fantastici Quattro, collana che vende meglio dopo il leader.

Superman & Co.

Se l’Editoriale Corno vanta i diritti dei super-eroi Marvel, l’Editrice Cenisio pubblica nello stesso periodo quelli della DC Comics. Gli addetti ai lavori affermano che i personaggi dell’editore di Burbank realizzano un volume di vendite dimezzato, rispetto alla concorrenza Corno. Nei momenti migliori, sono ipotizzabili almeno 3040.000 copie per Superman, che è il personaggio più seguito e amato, con un Batman subito dietro e i vari Flash, Wonder Woman, La Legione dei Super-Eroi ecc. con vendite proporzionalmente inferiori, ipotizzabili sulle 2025.000 copie. A conferma di queste teorie, perché nessuno ha mai pubblicato dati di vendita certi, c’è la permanenza in edicola: Superman e Batman restano sino alle battute finali della Cenisio, con il secondo che assorbe al suo interno le collane uscite di scena (Flash e Lanterna Verde, Wonder Woman e Aquaman ecc.). Poi anche Batman chiude e, per diversi mesi, continua il solo Superman, con all’interno alcune avventure dell’uomo pipistrello.

C’è stata una fortissima crisi alla fine degli anni ’70, dovuta all’informatica: videogames come l’Atari e il Commodore venivano venduti nelle edicole a 8.000 lire, e poi l’esplodere delle TV private. Un caso abbastanza clamoroso: ai tempi io facevo L’Uomo Ragno della Marvel, ed era un po’ scaduto come prodotto, però vendeva ancora 50.000 copie. (Luciano Secchi / Max Bunker, dichiarazioni presenti in rete ed estratte da una sua intervista).

Gli 883 rialzano L’Uomo Ragno

Dopo un periodo oscuro, un timido tentativo da parte della Labor Comics, nel maggio del 1987 la Star Comics riporta i super-eroi Marvel nelle edicole italiane, puntando sulla popolarità de L’Uomo Ragno affiancandolo all’interno con la collana che più di ogni altra lo avvicinava come fama: I Fantastici Quattro. Da lì a poco, grazie ai lusinghieri risultati di vendita e a uno zoccolo duro di appassionati che acquistano più copie dello stesso albo, arrivano altre testate. Le più celebri, oltre al fumetto dei F4 sono: Gli X-Men, Capitan America & I Vendicatori, Il Punitore – quest’ultimo albo, dopo vari formati, chiude per vendite che in quegli anni erano considerate troppo basse; attorno alle 7.000 copie -. All’inizio degli anni ’90, la Marvel, dopo quello degli anni ’70, conosce in Italia il suo periodo migliore, con un proliferarsi di collane. Alcuni editori, tra cui la Play Press, affiancano la Star Comics dividendosi i diritti di pubblicazione di altri personaggi. In alcune dichiarazioni, Marco Marcello Lupoi dice che, nel 1992, in occasione della Hit degli 883Hanno Ucciso L’Uomo Ragno, l’albo omonimo incrementa le vendite con altre 5.000 copie.

Seconda epoca d’oro: anni ’90

È la Star Comics a vantare i personaggi con maggiore notorietà – L’Uomo Ragno, I Fantastici Quattro, Gli X-Men, Capitan America & I Vendicatori ecc. -, mentre la Play Press ha messo le mani su quelli di seconda fascia – Thor, Iron Man, Silver Surfer, I Nuovi Mutanti, Wolverine, Namor ecc. – L’Uomo Ragno sfiorerebbe le 35.000 copie ed è, come sempre, la testata più diffusa. I Fantastici Quattro e Gli X-Men potrebbero aggirarsi sulle 2025.000 copieCapitan America & I Vendicatori, a ruota, seguire a 15 / 17.000 copie. Thor e gli altri super-eroi della Play Press avrebbero vendite inferiori, attorno alle 1215.000 copie a scendere, con l’eccezione di Wolverine che, trainato dal crescente successo dei mutanti, può contare saltuariamente su vendite maggiori rivaleggiando con le testate della Star Comics.

dc-comics-alex-ross
Super-Eroi DC di Alex Ross © Tutti i diritti riservati.

Play Press VS Marvel Italia

Chiusa l’epoca dei super-eroi Marvel con diritti divisi tra vari editori, la Play Press guarda con decisione alla DC Comics e dedica – dopo aver già offerto Justice League, Play Saga e Green Arrow / Green Lantern – due nuovi mensili, rispettivamente, a Superman e Batman. Poi, grazie al successo ottenuto dal ciclo la morte di Superman – che avrebbe, secondo i soliti addetti ai lavori, venduto ben 100.000 copie -, l’editore può allargare il parco testate con JLA, Flash & Lanterna Verde, Lobo, DC Prestige e Collection, Catwoman & Wonder Woman, Superman Classic e Le Leggende di Batman. I lettori italiani seguono queste iniziative editoriali legate alla DC, come sempre, in quantità inferiore, rispetto alla concorrenza Marvel: le vendite di Superman e Batman sarebbero, nel periodo più buono, sulle 1015.000 copie, con le altre testate sotto questa cifra – Flash & Lanterna Verde avrebbe chiuso perché scesa a meno di 5.000 copie, mentre Catwoman & Wonder Woman sarebbe scivolata anche più sotto -.

Sul fronte opposto, negli anni che vanno dal 1994 – quando la Marvel Italia apre i battenti con un forte richiamo mediatico – sino almeno al 1997/98, i super-eroi della casa delle idee conoscono probabilmente il periodo più propizio, dopo gli anni della Corno, e L’uomo Ragno venderebbe, mediamente, almeno 30.000 copie, con a ruota le collane de Gli X-Men, Wolverine, oltre alla sorprendente Uomo Ragno 2099, I Fantastici Quattro sulle 20.000 copie. Arrivano altre nuove collane come Devil & Hulk, Capitan America & Thor, Vendicatori, ma solo la prima sembra ottenere ottimi consensi ed esce per ben diciassette anni realizzando, è presumibile, una media di almeno 15 / 20.000 copie nel periodo migliore. Cifre possibili sempre combinando le vendite di edicole e fumetterie.

Film e Comics

Con l’uscita di pellicole, in anni recenti sempre più copiosa, dedicate all’universo dei super-eroi, ci sono state delle ripercussioni positive in termini di vendite per i corrispettivi personaggi a fumetti, almeno a quanto avrebbero affermato le figure dirigenziali delle case editrici più rinomante. I protagonisti Marvel avrebbero guadagnato in popolarità e tirature sino, in alcuni casi, a raddoppiarle, almeno sul breve periodo: in concomitanza di un film su Spider-Man, l’albo avrebbe raggiunto picchi di 40 / 50.000 copie, beneficio simile lo avrebbe ottenuto la collana de Gli X-Men, salendo a possibili punte di 30 / 40.000 copie. Non si tratta di regole, ma di episodi dovuti a un’esposizione determinata dai media e della durata limitata al periodo di permanenza nelle sale. Fattori di celebrità imprevedibili che, nel caso del Batman di Tim Burton, non avrebbero invece inciso sulle vendite della Play Press.

DeAgostini VS Panini Comics

La Play Press propone le collane della DC Comics dal 1990 al 2006 con fortune alterne, sino a retrocedere, nel periodo finale, nel solo circuito delle fumetterie con volumi brossurati dalla maggiore foliazione e di prezzo più alto. La spagnola Planeta DeAgostini rileva sempre nel 2006 i diritti di questi super-eroi ed esce in edicola subito con due mensili da 48 pagine, Superman e Batman: anche in questo caso non ci sono dati ufficiali, ma gli addetti ai lavori vociferano di vendite medie sotto le 10.000 copie, per le bandiere della DC Comics. Volumi brossurati e altre collane escono solo per il canale delle fumetterie. La gestione spagnola è caratterizzata da buoni propositi, ma da una cura editoriale spesso lacunosa.

Dall’altra parte, la Marvel Italia diventata una sezione della Panini Comics e continua ininterrottamente la corsa delle proprie testate Marvel, ampliandole, con il solito Uomo Ragno (poi denominato Spider-Man) a guidare le vendite ora attorno alle 20.000 copie e, a scendere, le collane de Gli X-Men, Wolverine, I Fantastici Quattro ecc. Tra il 2000 e il 2009, la Panini propone anche le testate dell’universo Ultimate: i super-eroi classici in versioni ringiovanite, rivisti e aggiornati, in un universo alternativo al nostro con buoni risultati di vendita e un discreto numero di nuovi lettori.

RW Edizioni VS Panini Comics

Supereroi: la testata più venduta vende a stento 5000 copie in edicola, raggiungendo grazie al buon venduto in libreria di varia tra le 12.000 e le 15.000 copie: il resto è crisi nera. Supereroi, manga e compagnia, in edicola vendono una media di 30005000 copie ad albo. Si vendono gli spiccioli. Una volta stavano sopra i 10.000. In sostanza, si è creato un mercato strano per manga e supereroi dove per fronteggiare vendite da “dettagliante” si è moltiplicata l’offerta. Si vende pochissimo ma di moltissimo. Le spese si spalmano su cento testate e la barca, strano a dirsi, ma per ora resta a galla. I volumi a prezzo alto da fumetteria e da libreria di varia non salveranno il mercato, poiché vendono tra le 300 copie e le 2000 copie. (Roberto Recchioni, dichiarazioni del 2013, apparse in rete su vari siti.)

Il periodo Planeta DeAgostini si conclude nel 2011 con il passaggio dei diritti DC e dell’intero parco testate, che proseguono con medesima numerazione, sotto la gestione RW edizioni, con etichetta Lion. L’editore novarese ha intrapreso un cammino che prosegue ancora oggi e, dopo aver diversificato le uscite tra edicola e fumetteria, negli ultimi anni, in concomitanza con l’evento DC Rebirth, ha proposto il parco spillati anche in edicola. Batman e Superman, soliti pilastri, avrebbero raccolto vendite medie poco sopra le 5.000 copie, sino all’evento denominato Rebirth, che ha colto impreparata la stessa RW: almeno 30.000 copie di tiratura con il quindicinale Batman, oltre a varie ristampe richieste per Superman, con una tiratura vicina all’uomo pipistrello, e anche per le serie minori – Flash, Lanterna Verde, Wonder Woman attorno alle possibili 10.000 copie -. La Panini Comics, pur aumentando ancora il numero delle uscite per contrastare la concorrenza della DC in Italia, ha pagato lo scotto di Marvel NOW, controverso evento della casa madre che ha abbassato le vendite di Spider-Man, progressivamente, livellando gli altri spillati Marvel a cifre inferiori.

RW VS Panini 2015-2018

Quest’ultimo triennio ha portato un ulteriore abbassamento delle tirature in edicola – per tutte le testate, non solo di matrice americana – e, negli ultimi due anni in particolare, a una minore esposizione nelle 25.000 edicole sparse in Italia, tanto da costringere la Panini Comics a un drastico cambio di rotta a fronte di un venduto, per singolo albo, in forte calo – Marco Marcello Lupoi, direttore editoriale della Panini Comics, in una recente video intervista avrebbe affermato che Spider-Man vende parecchio di meno del suo periodo migliore, il 1993 / 1998 -. Dopo l’iniziale forte spinta vendite di Rebirth, nel 2017, la RW ha affrontato una grossa difficoltà distributiva, con ripetuti ritardi nelle uscite e con un, probabile, conseguente abbassamento delle vendite – che alcuni addetti ai lavori affermerebbero scese ancora sotto le 10.000 copie per “l’ammiraglia” Batman -.

Le vendite Comics oggi?

Come anticipato in apertura, non esistono dati scritti nero su bianco in Italia, per quanto riguarda le tirature dei comics di super-eroi. Di certo, se la Panini Comics ha deciso di cambiare linea editoriale, la risposta è solo una: contrazione di mercato. Tutte le cifre riportate di seguito, tranne dove specificato diversamente, sono ipotizzate sommando le vendite nei due canali principali: edicole e fumetterie.

La Panini Comics: in questo periodo, intorno alla quota di 10.000 copie, con sporadici picchi superiori in occasione di numeri reboot, ci dovrebbero essere Spider-Man, le collane mutanti degli X-Men e gli Avengers. Sotto questa soglia, potrebbe esserci un’ipotetica seconda linea con i redivivi Fantastici Quattro, Venom e Deadpool. In una presumibile terza linea ci dovrebbero essere, con vendite dimezzate rispetto ai titoli più popolari, Capitan AmericaDaredevil, Thor, Iron Man ecc. La RW Lion: finita la straordinaria spinta propulsiva delle ottime tirature di Rebirth, tra le 5.000 e le 10.000 copie potrebbe aggirarsi Batman, leader dell’editore con sede dichiarata a Novara. Superman dovrebbe seguire con vendite inferiori, collocandosi come spartiacque tra il leader e le altre collane. Batman il cavaliere oscuro, Justice League, Flash, Lanterna Verde ecc. dovrebbero avere vendite dimezzate e alcune ancora più sotto, rispetto al quindicinale dell’uomo pipistrello. Panini, per tentare di evitarne la chiusura, e RW, hanno deciso di retrocedere Doctor Strange, Hulk, Wonder Woman e Suicide Squad al solo canale delle fumetterie, con un presumibile venduto che potrà aspirare al massimo alle 500 / 1.000 copie.

Il futuro dei Comics?

Il mercato dei fumetti è in contrazione ovunque, in qualsiasi paese, Stati Uniti compresi. All’epoca in cui cominciarono a chiudere testate, ripiegare nelle sole fumetterie, aumentare i prezzi e cambiare i formati, le cose andarono sempre peggio e portarono alla cessione dei diritti. Il futuro è quindi nero? Non necessariamente. Gli editori attuali, Panini Comics e RW Edizioni, sembrano intenzionati a escludere, progressivamente, la distribuzione nelle edicole delle pubblicazioni. Per un costo troppo alto chiesto dal distributore? Per un punto di pareggio medio deficitario aiutato della crisi degli edicolanti? In molti casi un albo spillato ora vende più in fumetteria che nelle edicole. Probabilmente, per questi e altri fattori la politica editoriale sta cambiando. Ma oggi le fumetterie, sebbene siano inferiori numericamente in rapporto 1 a 100 con le edicole, sono più organizzate e diffuse, i lettori sono più consapevoli, i costi di stampa sono minori grazie al digitale: sono fattori che un tempo non esistevano e potrebbero consentire una sopravvivenza editoriale. Magari per piccole cifre e tirature.

———

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...